Home » Cannabinoidi


Cannabinoidi

Cannabinoidi

Categoria di appartenenza: allucinogeni.

I cannabinoidi sono tutte quelle sostanze psicoattive che si ricavano dalla Cannabis sativa. I componenti attivi che le caratterizzano sono circa 60 e uno dei più importanti è il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), presente nella marijuana e nell’hashish. I derivati della cannabis sono le droghe illegali più diffuse e usate nel mondo.

Cosa sono i cannabinoidi

Il termine “cannabinoidi” fa riferimento ai derivati della pianta Cannabis sativa (o Canapa indiana), da cui si ottiene il cosiddetto fumo, cioè droghe quali marijuana e hashish. Il nome con cui sono indicate varia a seconda della localizzazione geografica.

banner banner

La marijuana, nota come “erba” o “Mary Jane”, viene prodotta mediante essiccazione all’aria di semi, foglie, fiori e parte del gambo; l’hashish è invece una resina ottenuta principalmente dalle infiorescenze, sebbene nella sua produzione possano essere incluse anche altre parti della pianta.

Una volta fumata, il livello di THC nel sangue raggiunge il suo picco nell’arco di 15-20 minuti ma, mentre lo stato di euforia decresce nel giro di 3-4 ore, il principio attivo viene smaltito molto lentamente, restando infatti nel corpo per svariati giorni o addirittura settimane.

Come si assumono

La potenza dell’effetto provocato dall’assunzione di queste sostanze dipende dalla concentrazione di THC e dalla modalità con cui vengono utilizzate; la più nota è lo spinello, una sigaretta rollata a mano, ma alcune persone le impiegano anche come ingredienti di base per preparare ad esempio biscotti e infusi di tè.

Lo stato indotto dalla cannabis è fortemente influenzato anche dalle condizioni esterne, dalla personalità e dallo stato psicologico del soggetto che l’assume. Questo mix di variabili fa sì che gli effetti provocati dall’uso di queste droghe possano essere differenti anche sul medesimo consumatore, ciò vuol dire che lo stato fisico/emozionale che ne consegue non è mai prevedibile.

Effetti ed effetti collaterali

Alle sensazioni iniziali di “pace” ed euforia si accompagnano vari effetti collaterali, quali sonnolenza, pupille dilatate, difficoltà d’ascolto e apprendimento, alterazione della percezione spazio-temporale (ragion per cui mettersi alla guida sotto l’effetto della cannabis è pericolosissimo), irritazione, sbalzi d’umore e senso di agitazione.

Quando una sostanza cannabinoide entra in circolo nell’organismo, gli effetti che produce sono numerosi e importanti. L’uso prolungato ed eccessivo di queste droghe può causare danni a livello di memoria e ragionamento.

Ad essere notevolmente influenzati sono i riflessi del movimento e l’attività motoria, questo perché i recettori cannabinoidi si trovano nelle zone del cervello che hanno il compito di controllare le funzioni motorie. L’assunzione di queste sostanze genera anche un aumento considerevole dell’appetito, perché i recettori presenti nell’ipotalamo interagiscono col THC e gli altri principi attivi dei cannabinoidi provocando un aumento dell’impulso della fame.

Dipendenza e conseguenze

L’abuso di cannabis crea dipendenza psicologica: il soggetto che assume queste droghe perde il contatto con la realtà, vivendo in una costante condizione di auto-negazione e cambio di personalità.

I pericoli derivanti dall’uso di queste sostanze stupefacenti sono diversi: disturbi dal punto di vista ormonale (sterilità temporanea, rischio di impotenza e sviluppo di seno nell’uomo), danni cromosomici, alle vie respiratorie e ai polmoni. Ben documentate sono inoltre le conseguenze cardiovascolari, come variazioni della pressione sanguigna e tachicardia, e quelle a lungo termine a livello cerebrale non sono da sottovalutare, perché nel cervello le tracce di THC persistono a lungo.



Potrebbe anche interessarti

uscire dalla droga
Droga e Alcol: come uscirne

Uscire dalla dipendenza si può. Scopri ora come salvare la vita tua o di una persona che ti sta a cuore!

Dimetiltriptamina (DMT)
Dimetiltriptamina (o DMT)

Categoria di appartenenza: allucinogeni. La dimetiltriptamina, meglio nota con l’acronimo DMT, è una sostanza allucinogena…

Haze
Haze

Categoria di appartenenza: allucinogeni. L’haze è una varietà particolare di Cannabis sativa, ottenuta mediante l’incrocio…